logo caritas

Un apparecchio dentistico per Annalisa

“Mi vergogno tanto, scusatemi, ho bisogno del vostro aiuto”. È arrivata così al Centro di ascolto, un pomeriggio, una donna di quasi cinquant’anni. Con lo sguardo imbarazzato e le mani insicure e sudate, che stringevano alcuni fogli.

Non sapeva da dove cominciare, la signora Marta, e si capiva bene che non sarebbe proprio voluta essere lì in quel momento, ma è solo quando gli accadimenti ti travolgono che capisci che hai davvero bisogno di aiuto. Marta è mamma di quattro ragazzi che hanno superato i dieci anni, tutti studenti. Sono bravi ragazzi e bravi figli, dice Marta, perché lei e il marito hanno sempre trasferito molta attenzione nella loro educazione e in quali valori trasmettere. Il marito, dopo il fallimento dell’azienda dove lavorava, ha trovato un nuovo impiego ma le spese a casa per quattro figli, affitto e utenze sono elevate, soprattutto da quando Marta ha iniziato ad avere dei problemi di salute che le impediscono di muoversi liberamente.

Questa impossibilità di dare un aiuto economico in casa ha torturato Marta, portandola a una forma di depressione subdola e dolorosa per tutta la famiglia, perché vedere la mamma così spenta e senza energia ha rattristato un po’ tutti. Fortunatamente Marta, dai primi di giugno, ha trovato un lavoretto stagionale che il suo fisico può sopportare, fino ai primi di settembre.

La figlia maggiore, Annalisa, soffre più degli altri e spesso preferisce starsene sdraiata per non sentire quel dolore insopportabile alla schiena, che nasce da un cattivo allineamento dentale. Alla ragazza infatti è stato diagnosticato da qualche anno un problema ai denti che va assolutamente curato attraverso un apparecchio dentale inferiore e superiore, il prima possibile. È proprio a causa della malocclusione e dell’errato allineamento dei denti che la ragazza soffre di un forte dolore alla schiena e di un mal di testa spesso invalidante, per cui talvolta è costretta a restare a casa da scuola. L’apparecchio consigliato dal dentista convenzionato costa 3.500€ e Marta, forte del suo lavoro stagionale, ha deciso finalmente di procedere con l’acquisto medico per sua figlia, che le permetterà di non soffrire più e di studiare con continuità.

Il dentista ha accettato il pagamento rateale. Fino a settembre Marta vuole farcela da sola. Noi però vogliamo aiutarla e saldare la parte restante del conto per l’apparecchio, cioè 4 rate da 350€ per un totale di 1.400€. Aiutaci anche tu.

Sostieni questo progetto

1Compila con i tuoi dati

2Tipo di donazione

3Scegli quanto donare


Effettuando questa donazione e accettando l'Informativa sulla privacy, accetti che questo sito web memorizzi le tue informazioni.