logo caritas

Tracy e il centro estivo

La piccola Tracy arriva da un Paese povero dell’Asia del sud. È qui da poco tempo, insieme ai due genitori, persone riservatissime e silenziose. La bambina parla molto poco e tiene sempre lo sguardo all’ingiù, anche se adora ridere e sentirsi coccolata dalla mamma.

Non ha fratelli e sorelle e fa fatica a inserirsi nel percorso scolastico, sicuramente per la sua timidezza innata ma anche per la quotidianità che vive insieme ai genitori, poco avvezzi al contatto con le persone sconosciute. È una bambina sveglia e vivace, quando riesce ad abbassare le difese e a fidarsi, ma la sua difficoltà principale sta nel rapporto con i propri coetanei.

La lingua è un certamente grande ostacolo da superare, molto più grande perché i genitori non la parlano, non la conoscono. Immaginiamo come sia difficile per un bambino arrivare in un Paese nuovo, con gli sguardi puntati addosso e voci che parlano un linguaggio misterioso. L’integrazione dei piccoli stranieri passa principalmente attraverso la scuola, che rappresenta il vero trampolino per prendere coraggio e imparare a rapportarsi con i coetanei, con i quali condividi desideri e sogni ma non la lingua e le abitudini. Tracy non ha avuto questa possibilità e sta quasi sempre con gli adulti.

Negli anni abbiamo sperimentato che i centri estivi, gli sport collettivi, i pomeriggi al parco costituiscono dei piccoli, grandi passi per i bambini stranieri verso l’inserimento sociale e contro l’emarginazione che si profila spesso come un mostro da combattere. La lotta contro l’emarginazione è dura, ma è nostro dovere impugnarla. L’estate può essere un periodo di meraviglioso riposo per i figli delle famiglie felici, così come può allargare il solco del disagio per chi si trova ancora ai margini, soprattutto in anno come questo in cui la pandemia ha costruito distanze e muri.

La partecipazione a un centro estivo, per imparare a conoscere e a farsi conoscere, a costruire relazioni di amicizia e di fiducia con i suoi coetanei sarebbe fondamentale a Tracy. Il centro estivo mensile che abbiamo scelto costa 350€. Il tuo contributo può essere fondamentale per l’iscrizione e per restituire a Tracy un diritto molto semplice ma non scontato: il diritto alla felicità.

Sostieni questo progetto

1Compila con i tuoi dati

2Tipo di donazione

3Scegli quanto donare


Effettuando questa donazione e accettando l'Informativa sulla privacy, accetti che questo sito web memorizzi le tue informazioni.